venerdì 16 aprile 2010

Archivio galleria foto creazioni e work in progress (marzo 2008 giugno 2009)

In questa galleria potete vedere le foto delle mie creazioni fatte tra marzo 2008 e giugno 2009. Queste foto erano in un'altro blog che sono quasi in procinto di chiudere, per cui ho deciso di trasferire qui almeno qualche foto di queste mie creazioni. Dopo la galleria di foto potrete anche vedere alcuni work in progress di queste creazioni.

Allora iniziamo con la galleria delle fatine:

°°°Aryan°°°
 





°°°Lilith°°°







°°°Nadine°°°






°°°Laila°°°






°°°Aine°°°






°°°Tabita°°°









°°°Taja°°°







°°°Scarlett°°°






Passiamo a vedere qualche streghetta:


°°°Lucinda e Cagliostro°°°








°°°Morgana°°°







E poi una dolce damina:


°°°Evelyne°°°






E per finire un personaggio delle fiabe:


°°°Biancaneve°°°





COME HO SCRITTO IN PRECEDENZA QUI POTETE VEDERE ALCUNI WORK IN PROGRESS DI ALCUNE MIE CREAZIONI.



°°°Work in progress di Aryan°°°

Ho deciso di provare a creare una fata ancora più grande, questa sarà una fata che alla fine misurerà in altezza circa 40 cm. e sarà anche questa una posable doll cioè le parti modellate con la pasta sintetica in questo caso sono, la testa e il mezzo busto, metà braccia e poi le mani, metà gambe e poi i piedi.

Il resto del corpo viene creato con una specie di ovatta sintetica. Alla fine la scultura potrà stare in piedi grazie a un supporto per bambole, che comunque non si vedrà perché la fata avrà un vestito lungo e ampio, oppure volendo si potrà metterla anche nella posizione seduta e quindi si potranno piegare le gambe e volendo anche le braccia è proprio questa la particolarità di queste sculture che in Inglese molti chiamano appunto posable doll .

Solitamente fino ad ora ho sempre fatto le mie "posable dolls" a piedi nudi, per questa però ho deciso di provare per la prima volta a fare delle scarpe. Spero di riuscirci!!!

Comunque sotto potete vedere alcune fasi della lavorazione di questa fata. Ovviamente questo sarà un post in continuo aggiornamento fino ad arrivare alla fase conclusiva della creazione. Quindi se siete curiosi di vedere alla fine come sarà la mia fata dovrete ogni tanto passare a curiosare nel mio blog!

Tanto per darvi un'idea si parte a modellare da un'armatura come questa che potete vedere qui sotto.



Sono stati inseriti degli occhi in vetro di colore marrone.



Qui sotto sono già andata parecchio avanti nel lavoro, il naso è fatto e anche metà bocca.




Ed eccola con le orecchie pronta per essere messa in forno.



Qui invece è appena uscita dal forno.




Poi sono passata alla lavorazione delle mani. Non ho fatto nessuna foto, perché ero talmente presa nella lavorazione che mi sono semplicemente dimenticata di farle!!! Fare le mani è molto difficile, non che il resto sia facile farlo, ma almeno per me, la fase mani è sempre molto stressante! Comunque sotto potete vedere le mani finite.





Il volto della mia fata, dopo diverse ore di lavoro è stato dipinto. Anche se in foto non si vede bene, le ciglia di sotto sono state dipinte, mentre per quelle di sopra invece sono state messe delle ciglia finte. Tanto per darvi un idea delle dimensioni la testa misura quasi 6 cm. in altezza.





Aggiungo due foto in cui si vedono meglio le ciglia finte che ho applicato sulla parte sopra dell'occhio.




Prima di tutto ho fatto le mie gambe e poi ho abbozzato dei piedi, qui ho fatto il mio primo piccolo errore, ho fatto una forma più simile a quella di un piede e non dovevo, avrei dovuto fare una forma più simile a quella di una scarpa.



Per fare la scarpa sono partita da un pezzo di stoffa della forma che vedete qui sotto in foto. Ho fatto un segno con una matita sulla scollatura del piede in modo da aiutarmi nel posizionamento della stoffa sul piede. Ho messo della colla, ma non molta, perché in questi casi bisogna stare molto attenti che la colla non passi attraverso la stoffa o altrimenti si rovina tutto il lavoro, quindi bisogna essere capaci di dosare nel modo giusto la quantità necessaria, è sempre meglio stendere la colla che si mette, in modo che rimanga solamente uno strato molto sottile.



Sotto potete vedere due fasi del posizionamento della stoffa sul piede.




A questo punto per rifinire tutta la scollatura della scarpa ho usato un cordino di pelle marrone di quelli che si usano per fare le collane. Anche qui è molto importante dosare la colla per non sporcare tutto il lavoro fatto fino ad ora.



A questo punto visto che la scarpa è stata pensata per avere un piccolo tacco, mi sono messa a creare il tacco con la pasta sintetica, ma è sorto un piccolo problema, non riuscivo in nessun modo a fare il tacco.
Allora sono stata costretta a inserire un pezzetto di filo di metallo rigido nel punto del tacco. Ho dovuto quindi prima fare un piccolo buco non troppo profondo nel sotto della scarpa, giusto per inserire e incollare il filo di metallo. Sopra il filo di metallo sono riuscita così a modellare il tacco.



Usando questo sistema sono riuscita a modellare il tacco direttamente sopra la scarpa come potete vedere nella foto sotto. Anche qui però è nato un altro problema, non sapevo come cuocere i tacchi fatti con la pasta sintetica.
Ero molto indecisa se mettere il tutto in forno sperando che non si rovinasse la pelle e la stoffa, ma ho avuto troppo timore di rovinare tutto il lavoro, così ho deciso di asciugare leggermente il tacco con la Hot Gun (che è una pistola che manda fuori un aria molto calda).
Poi siccome volevo essere sicura che il tacco restasse ben attaccato alla scarpa ho deciso di toglierlo per attaccarlo in un secondo tempo con la colla, così ho fatto leggermente leva con molta attenzione e ho tolto tutti e due i tacchi e li ho cotti tranquillamente in forno. Potete vedere i tacchi nella seconda foto appena usciti dal forno!





Poi ho semplicemente incollato i tacchi alla scarpa e li ho colorati. Sotto potete vedere una delle due scarpe finite. Per il momento il lavoro delle scarpe finisce qui, poi una volta che il vestito della fata sarà finito deciderò se inserire sul davanti della scarpa qualche particolare tipo fiocchetto o delle perline ecc. oppure no.
C'è anche da dire che le scarpe tanto non si vedranno perché il vestito le coprirà, ma un piccolo particolare comunque renderà sicuramente le scarpe più finite.
Per concludere devo dire che il sistema che ho usato non è molto corretto, se si vuole fare un tacco un pò alto lo si può creare solamente con la pasta sintetica quindi in questo caso forse era meglio o creare tutta la scarpa con la pasta sintetica o al limite creare la suola della scarpa con la pasta sintetica, in modo da non avere i problemi che ho avuto io.
Se creavo la suola con la pasta sintetica il tacco fatto avrebbe aderito bene alla suola e avrei anche potuto cuocerlo direttamente nel forno, certo avrei dovuto aggiungere solo in un secondo tempo il cordino di pelle della scollatura della scarpa.



A questo punto si passa alla costruzione del corpo, il primo passo è quello di inserire e poi incollare le braccia e le gambe sull'armatura.







A questo punto bisogna usare un tessuto sottile che abbia almeno un lato elasticizzato (tipo il jersey) e con questo tessuto coprire tutto il corpo creato con il Polyfill. Io nella foto potete vedere che ho usato un tessuto di color carne, ma questo non è assolutamente obbligatorio, considerando che la fata avrà poi delle mutande lunghe e un vestito lungo che coprirà il tutto.
Il busto di questa fata devo dire che mi è venuto un pò troppo lungo, ma una volta che inizierò a vestirla cercherò di mascherare il difetto.




Finita la prima fase di vestizione, ecco la mia fata con le sue belle mutande della nonna!



A questo punto la mia fata resterà in piedi grazie a un supporto per bambole come quello che vedete nella foto sotto. Questa scultura è una "Posable Doll" quindi volendo la scultura potrà anche essere messa in posizione seduta.



Una delle prime fasi del vestito è creare la gonna, questa fase è abbastanza facile per chi ha dimestichezza con il taglio e cucito.



A questo punto si passa alla creazione del corpetto, questa è una fase un pochino più complicata, sinceramente io non uso cartamodelli o altro, ma faccio tutto a occhio e prendendo le misure direttamente sulla scultura; come potete vedere nella foto sotto ho creato delle stecche con del filo di metallo e poi le ho incollate sul corpetto, le stecche servono proprio per creare e dare la forma del corpetto, perchè quando applichi il corpetto sulla scultura per dare una bella forma devi un pò stringere e senza le stecche non riesci a farlo.



Dopo tanta pazienza e lavoro ho messo il corpetto incollandolo direttamente sopra la scultura, mentre per la parte dietro ho stretto il tutto cucendo con del filo, come potete vedere anche nella seconda foto, ovviamente così come è non è finito, la cucitura dovrà essere poi nascosta da qualcosa.




Bene, la parte del corpetto è per me quella più complicata, a questo punto ho fatto le maniche che sono molto semplici da fare. Deciderò poi in seguito se stringere le maniche con dei lacci come ho fatto già nelle mie altre fatine oppure no.




Il vestito quindi è quasi finito, adesso devo decidere quali particolari inserire per renderlo più prezioso e interessante. Intanto nel frattempo mi sono messa a fare le ali, ero indecisa su quale tipo di materiale usare per farle, ma poi vista la misura abbastanza grande delle ali ho deciso di optare per quelle solite in organza che rimangono leggere.

Così aiutandomi con un disegno creato da me ho fatto la forma delle ali usando un filo di metallo.



Poi ho preso dell'organza del colore del vestito e ho applicato con la colla i quattro pezzi di ali fatte con il filo di metallo, fatto questo ho poi tagliato a filo bene il tessuto e ho creato le venature a mia fantasia usando un colore a effetto rilievo di quelli fatti apposta per le stoffe. Per finire ho unito le ali piccole con quelle grandi attorcigliando i rispettivi fili di metallo insieme.




Finite le ali sono andata a cercare qualcosa da inserire sul corpetto e alla fine in una merceria ho trovato una passamaneria proprio dello stesso colore del vestito, essendo un pò grande alla fine ho deciso di metterla tutta attorno al corpetto, poi infine ho aggiunto anche un bordo creato con lo stesso tessuto del vestito sulla parte superiore del corpetto, perchè così mi sembrava più finito il tutto



Questa volta ho fatto un giro al mercato e ho trovato degli orecchini pendenti in tinta con il vestito, tagliando i vari pezzi di questi orecchini pendenti ho creato un ciondolo per la mia fatina, usando una catenina di colore oro che avevo già in casa. Per tenere insieme il pezzo di orecchino con la catenina ho usato un filo sottile da cucito trasparente. Il tutto è stato poi incollato con attenzione sul corpo.



Sempre con alcuni pezzi degli stessi orecchini acquistati al mercato ho rifinito le scarpe e ho aggiunto dei laccetti di pelle incrociati.





A questo punto siccome ero indecisa sul come rifinire le maniche ho deciso di lasciarle in sospeso e così mi sono messa ad applicare i capelli. Per fare i capelli sono partita da una matassa di capelli in mohair di quelli fatti apposta per creare i capelli alle bambole, sotto potete vedere la foto.

Poi dalla matassa ho sfilato tutte le ciocche neccessarie per coprire la testa della mia fatina e ho incollato la base di ogni ciocca, sotto nella seconda foto potete vedere alcune delle ciocche preprarate. Dimenticavo di dire che per questa fatina ho scelto dei capelli ondulati.




A questo punto ho iniziato ad applicare tutte le varie ciocche, nella prima foto potete vedere che la prima riga di ciocche è stata applicata. Poi dopo si passa alla seconda riga di ciocche e poi si prosegue sempre con lo stesso metodo fino ad arrivare quasi oltre alla metà della testa. Arrivate a questo punto si applicano anche delle ciocche ai lati delle tempie.





Arrivate a questo punto inizia la parte più delicata del lavoro, perchè bisogna preparare due ciocche molto pìù larghe di quelle fatte fino ad ora, queste due ciocche finiranno la nostra capigliatura, si dovrà riuscire ad applicare le ciocche senza far vedere la colla e ovviamente è questo un lavoro che richiede attenzione e precisione.

Nella foto sotto potete vedere che è stata applicata la prima ciocca, questa ciocca andrà poi direzionata e incollata con attenzione dalla parte opposta.



Qui sotto vedete che anche la seconda ciocca è stata applicata, ora si passa alla fase in cui bisogna riuscire a far stare tutta la lunghezza di queste due ciocche ben attaccate ed aderenti alla testa.

Per fare questo si applica della colla inizialmente solo sulla parte alta della testa come potete vedere nella seconda foto sotto. In questa fase bisogna stare molto attenti a dosare nel modo giusto la colla e a non schiacciare troppo i capelli quando si direzionano per farli aderire alla testa, perchè la colla non deve passare attraverso tutti i capelli.




Ecco le ciocche sono state sistemate, anche se quella di destra non è ancora del tutto ben incollata. Comunque siccome ho già in mente che alla mia fatina farò una piccola tiara molto semplice, sistemerò poi in seguito meglio i capelli.



Alla fine ho deciso di non lasciare la manica larga, così l'ho stretta a incrocio con un laccio di cotone marrone e ho applicato un accessorio che faceva parte sempre dello stesso orecchino che ho usato per fare la collana e per impreziosire le scarpe.



Anche la tiara è fatta, è molto semplice come avevo detto, l'ho creata usando un filo di ottone e applicando un piccolo cristallo.



E' finita!!!

L'ho chiamata Aryan.









°°°Work in progress di Morgana°°°


Ogni tanto bisogna anche cambiare e così dopo tante fatine ho deciso di fare una bella streghetta che vola sulla sua scopa! Voglio inserire le foto di alcuni piccoli passaggi della creazione di questa scultura. L’altezza della strega è di circa 25 cm.

La pasta usata è il Prosculpt colore Light. Sinceramente non sapevo bene come fare a farla volare, poi curiosando in giro per il web ho trovato la foto di una scultura molto bella di un’artista che mi ha aiutato a capire come procedere nel lavoro.

Prima di tutto qualche foto della modellazione della testa. Sotto potete vedere la testa ancora in lavorazione. Ho usato degli occhi di vetro di mm. 5 perché volevo che avesse degli occhi belli grandi, la misura giusta da inserire in realtà era di occhi di mm. 4.





Eccola appena uscita dal forno.



Sotto potete vedere alcune foto del busto dipinto. Quando ho iniziato a fare il trucco agli occhi si è presentato un piccolo problema, più facevo il trucco nero e pesante e più l’occhio azzurro diventava sempre più chiaro alla fine la mia strega aveva uno sguardo spiritato!!! Così sono stata costretta a dipingere un contorno di blu scuro attorno all’iride e la situazione è migliorata. Anche gli occhi mi sembravano troppo grandi, è vero che li volevo grandi ma non così tanto, poi aggiungendo le ciglia finte nella parte sopra finalmente gli occhi sono sembrati un pochino meno grandi.





Sotto potete vedere la foto della scultura vista di profilo.



Poi sono passata alla creazione delle mezze gambe e delle scarpe. Ho deciso di farle degli stivaletti con tanto di laccetti. Per mettere i laccetti ho usato un semplice filo di cotone nero per cucire, ho inserito e incollato nei buchini i vari pezzettini di filo creando l’incrocio e poi ho fatto la chiusura della scarpa creando un fiocco che ho poi incollato sulla scarpa, poi per mantenere la forma del fiocco aperta e rigida ho messo della vernice trasparente sul filo di cotone.

Per fare le calze ho usato un tessuto elasticizzato a rete, ho incollato un lato sul retro della gamba poi ho tirato il tessuto attorno alla gamba fermando con la colla e poi ho unito dietro il tutto, per coprire la giuntura dietro ho usato un bordino nero di pizzo.





Ho fatto poi le metà braccia e le mani e ho unito come sempre il tutto all’armatura, ma prima dovevo ovviamente pensare a come fare volare la mia strega, così prima di passare ad imbottire l’armatura come potete vedere nella foto sotto ho applicato un tubo vuoto di ottone di mm 6 al busto dell’armatura e calcolando anche l’imbottitura finale (visto che andrà a finire proprio nel suo di dietro) ho lasciato il tubo un po’ più lungo.



Finito di fare l’imbottitura del corpo e come era nei miei progetti il foro è andato a finire proprio nel suo di dietro, così ho cucito la maglina rosa e poi i pantaloncini neri lasciando un foro nelle relative stoffe per far passare circa un 2-3 mm del tubo di ottone, attorno alle stoffe bucate ho messo un po’ di colla trasparente per incollare la parte e allo stesso tempo per non far smagliare le stoffe.
Poi ho preso un tubo di alluminio pieno di 4 mm. e ho iniziato a piegarlo nella forma che vedete qui sotto, non è stato per niente facile perché è molto duro piegare nella forma giusta parti così ravvicinate tra loro, ma alla fine c’è l’ho fatta. Avevo già in precedenza preparato il buco nella base di legno quando ancora non era dipinta, così poi ho inserito e incollato bene il tubo di alluminio e ho provato a posizionare sopra la streghetta e fortunatamente il lavoro fatto è risultato corretto.



Una volta terminata tutta la fase di vestizione è arrivato il momento di creare il famoso cappello da strega e alla fine grazie a un’utilissimo tutorial trovato su internet ci sono riuscita.

Per fare il cappello ho utilizzato un tutorial trovato sul sito www.ginabellousdolls.com.

Ho usato la stessa stoffa del vestito e un cartoncino di pesantezza 200 g. Non mi è riuscito al primo colpo perché prima ho dovuto trovare la misura del pattern giusto e poi ho fatto delle prove con della carta normale, ma una volta capito più o meno il procedimento e con una mia piccola personale modifica sono riuscita a farlo e penso che non sia per niente venuto male.

Per fare la scopa non ho avuto bisogno di nessun tutorial, ho semplicemente preso un legnetto della misura giusta per creare il manico, poi ho comprato una vera scopetta piccola di saggina e ho tagliato i pezzetti necessari di saggina e li ho incollati un po’ alla volta attorno al manico di legno fino ad arrivare alla grandezza desiderata, ho dipinto poi sia il manico che la saggina di nero con i colori acrilici, ma poi all’ultimo ho deciso di argentare la parte della saggina perché altrimenti non c’era neanche un punto di colore.

La scopa è stata poi cucita a mano sul vestito in modo che non si vedessero le cuciture e in modo che la scopa prendesse una certa inclinazione.

Sotto potete vedere il particolare della saggina che alla fine ho deciso di colorare d’argento.



Ed ecco finalmente la mia strega Morgana che vola sulla sua scopa, purtroppo la foto della figura intera non è il massimo, ma meglio di così con la mia macchina digitale non riesco a fare.







°°°Work in progress di Laila°°°


Laila è una fatina che si riposa su una colonna di marmo. Prima di tutto qualche foto veloce in cui potete vedere come ho fatto ha creare la colonna.

Sono partita da un tubo di cartone molto rigido che ho riempito con della carta di alluminio, quella che si usa per cucinare, anche il tubo di cartone che ho usato era quello della carta di alluminio.

Il motivo per cui ho riempito il cartone con l'alluminio pressando il tutto molto bene è perchè poi ho dovuto inserire sia in alto che in basso un tubo di ottone per poi far stare seduta sicura la fatina e fissare con più sicurezza la colonna in basso. Fatto questo ho messo un primo strato di pasta sintetica e ho cotto.



Poi ho messo un secondo strato di pasta e a questo punto ho iniziato a fare la modellazione definitiva. Ho creato poi i due pezzi per il sopra e il sotto e ricordandomi di lasciare i buchini per i tubi di ottone, ho incollato i due quadrati con il fimo decorating gel e ho cotto ancora il pezzo. Ho rifinito poi creando una treccia attorno alla colonna e ho dato infine l'ultima cottura.




Di usare della pasta sintetica rosa è stato solamente una mia scelta, ma sinceramente sarebbe stato meglio usare una pasta già di colore bianco o grigio, invece a questo punto sono dovuta passare alla colorazione dell'intera colonna usando dei colori acrilici. Ho incollato poi la colonna su una base di legno ricoperta di muschio.




Ed ecco la colonna finita che ho decorato con dei fiori di carta e una finta pianta rampicante.



Ed ecco Laila sulla sua colonna! L'intera scultura è alta circa cm. 33 mentre Laila se fosse in piedi sarebbe alta circa 25 cm.







°°°Work in progress di Scarlett°°°

Sarà una fatina vestita di rosso, questa è l'unica cosa di cui sono sicura per il momento...........dimenticavo avrà anche le lentiggini!

Eccola qui appena uscita dal forno^_^



Ed eccola finalmente dipinta.




E poi avrà anche degli stivaletti stile can can...................ovviamente di colore rosso!



Finalmente ho finito le mani e gli stivaletti!!!





E finalmente dopo molto ore di paziente lavoro la mia fatina è finita! L'ho chiamata Scarlett.



Devo dire che riuscire a fare la pettinatura è stata una vera soddisfazione! Ci vuole però anche molto tempo e pazienza.....................tanto per cambiare!





Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...